Archivi tag: cibo

Torta Salata di Zucchine

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Quella che vedete nell’immagine è una deliziosa torta salata di zucchine. In qualità di studentessa alle prese con intere giornate da trascorrere in giro, questo tipo di alimento è una soluzione alternativa al solito panino, e di certo più economica rispetto a qualsiasi pranzo consumato fuori.

Confesso che, fino a poco tempo fa, ogni tipo di torta salata propinatami da mia madre, grande fan del genere, mi faceva rabbrividire. Istinti di ribellione tardo-adolescenziali? Strascichi di un’infanzia passata ad odiare le verdure? Probabile! Sta di fatto che ora che sono una donna adulta(?), non solo riesco ad apprezzare le infinite varietà di quiche che la mia adorata genitrice continua a sfornare, ma ho deciso di provare una delle sue ricette in prima persona. E, ovviamente, di condividere i risultati del primo esperimento.

Oltre a essere buona, bella da vedere, sana e tante altre belle cosine, questa torta è scandalosamente facile da preparare e si conserva in frigo per almeno 3 giorni, liberando la testa dalla martellante domanda che mi affligge ogni giorno: “e oggi che cacchio mi faccio da mangiare?!”, e dalla conseguente “quale casino riuscirò a combinare oggi in cucina?”. Per sfamarvi per 3/4 pasti consecutivi avete bisogno di:

1 rotolo di pasta sfoglia

2 zucchine

200 gr di ricotta

2 uova

1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

Cuocete in padella le zucchine, intanto mischiate ricotta, parmigiano e uova in una terrina, stendete la pasta sfoglia nella teglia e versateci il composto. Quando le zucchine saranno cotte, trasferitele nel ripieno e mischiate delicatamente per distribuirle omogeneamente. Ripiegate i bordi della pasta e infornate a 180° C per 50 minuti circa.

Mi sento in dovere di specificare che anche questi semplicissimi passaggi nascondono delle insidie: il vostro forno potrebbe decidere di ribellarsi e surriscaldarsi a dispetto delle vostre direttive. I gusci delle uova potrebbero infidamente non rompersi al primo colpetto, per poi sfracellarsi rovinosamente nella ciotola al secondo. Si sa che la cucina è una giungla piena di pericoli. Se siete imbranati come me, vi auguro buona fortuna. Se invece siete fatine e folletti dei fornelli, vi supplico, spiegatemi come fate!

Vi lascio con una bel dettaglio artisticissimo e significativissimo della mia prima torta salata, in tutta la sua zucchinità e formaggiosità!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in uncategorized

Crostata

Crostata

Dopo questa mi metto a dieta, giuro!

Puntualizzerò l’ovvio dicendo che  è una crostata alla marmellata di mirtilli con scaglie di mandorle sopra, e mi vanterò spudoratamente dicendo che è venuta bbbbbuonissima ed è stata spazzolata in due giorni dalle inquiline di casa Yates.

Sommariamente la ricetta è questa:

Impastare farina, uova, zucchero e burro (tanto burro);

stendere la pastafrolla sulla teglia (non c’è bisogno di farla riposare, ho scoperto);

buttarci sopra tutta la marmellata del mondo;

se avanza un po’ di pastafrolla, decorare la torta con strisce, biscottini, pallini, spirali, quello che volete!

Per dosi, tempi di cottura e temperatura del forno vi consiglio di affidarvi al caso, o a una coinquilina esperta di cucina!

Lascia un commento

Archiviato in uncategorized